logo C.R.I.E.A

DIPARTIMENTO
DI BOTANICA
Università di Catania


INDICE

Frontespizio
Inurbamento
Avifauna
Classificazione
famiglie
specie
Iconografia

vai alla scheda: prima - precedente - seguente - ultima

Adulto (foto di C.Milluzzo)


Sterpazzolina

Classe: Aves

Ordine: Passeriformes

Famiglia: Sylviidae

Specie: Sylvia cantillans Pallas


Distribuzione: Specie a corologia circum-mediterranea. Sverna a sud del Sahara.

In Sicilia: Specie migratrice, giunge in marzo-aprile e riparte a fine settembre verso l’Africa occidentale.

Nell'Orto botanico: Migratrice osservata in aprile.

Morfologia: Lunghezza cm 12, 5,7 – 6,4 cm. Maschio superiormente grigio-cenere, ali e coda da bruno-scure a nerastre, timoniere esterne bianche. Iride arancio, anello orbitale rosso-brillante. Mustacchio bianco ben marcato. Gola e petto castano-rosati, ventre biancastro, fianchi fulvo-rosati. Femmina complessivamente più pallida, con petto fulvo-rosato e gola biancastra. Giovane simile alla femmina, ma inferiormente più grigio. Iride scura, anello oftalmico non rosso.

Ambiente e comportamento: Frequenta macchie, garighe, boschetti cedui, zone steppiche con radi cespugli, fino a 1800 m di quota. In ambiente urbano è segnalata come nidificante solo in poche città italiane (Genova, La Spezia, Pesaro e Frosinone), dove per lo più occupa zone collinari esterne all’abitato; più frequente durante la migrazione. Si riproduce fra aprile e metà luglio, con maggiore frequenza a maggio. Il nido, posto generalmente a meno di un metro da terra su piante arbustive o nel groviglio dei rovi, consiste in una coppa leggera ma piuttosto robusta, intessuta con erbe, stecchi, ragnatele e pochi peli o crini all’interno. Depone tre - cinque uova, che vengono incubate per dodici giorni, a deposizione completa, principalmente dalla femmina. I piccoli, accuditi assiduamente anche dal maschio, abbandonano il nido al dodicesimo giorno, ancora inetti al volo. Durante il periodo riproduttivo, la specie si nutre prevalentemente di microlepidotteri, divenendo baccivora già alla fine dell’estate.