unict
DIPARTIMENTO
DI BOTANICA
UniversitÓ di Catania


ARGOMENTI:

frontespizio
premessa
ambiente fisico
uomo e ambiente
flora
vegetazione
fauna
bibliografia
cartina


VEGETAZIONE

introduzione
bosco ripario
querceto sempreverde
querceto caducifoglio
macchia bassa
gariga
prateria steppica
arbusteti e roveti
vegetazione delle rupi
pareti umide
praticelli effimeri
comunitÓ delle sponde
comunitÓ acquatiche

Querceto caducifoglio

Un aspetto forestale interessante si osserva nella valle del torrente Calcinara, in contrada Bruiseri, lungo un versante di natura vulcanitica: si tratta del Mespilo - Quercetum virgilianae Brullo & Marcen˛ 1985, bosco mesofilo in cui la quercia di Virgilio (Quercus virgiliana Ten.), che qui ha ruolo di specie dominante, Ŕ associata al nespolo volgare (Mespilus germanica L.).  Sfortunatamente, la formazione, che sembra limitata a questa localitÓ e ad alcuni scoscesi versanti di Monte Lauro, si presenta notevolmente degradata per l'intenso pascolo ed i frequenti interventi di ripulitura del sottobosco, conservando ormai solo scarse vestigia dell'originario corteggio floristico di specie acidofile, tipico dell'associazione.

Su substrati calcareo-marnosi Ŕ insediato l'Oleo-Quercetum virgilianae Brullo 1984, formazione forestale dominata dalla quercia di Virgilio e dalla quercia dalle grandi foglie (Quercus amplifolia Guss.), in cui penetrano specie termofile, tipiche della macchia mediterranea, come l'oleastro (Olea europaea var. sylvestris Brot.), il lentisco (Pistacia lentiscus L.) ed il carrubo (Ceratonia siliqua L.). L'associazione, che rappresenta la vegetazione potenziale di gran parte dell'altopiano ibleo, si rinviene, in esigui nuclei, sul ciglio della cava presso Cassaro ed in contrada MascÓ. A monte della Riserva, fra le contrade Boschetto e Catanýa, se ne possono osservare formazioni piuttosto estese, che si distribuiscono anche lungo i fianchi della vallata, in corrispondenza di una tipologia geomorfologica pi¨ dolce.


Bosco di Ferla
foto di F. Giaccotto