unict
DIPARTIMENTO
DI BOTANICA
UniversitÓ di Catania


ARGOMENTI:

frontespizio
premessa
ambiente fisico
uomo e ambiente
flora
vegetazione
fauna
bibliografia
cartina


VEGETAZIONE

introduzione
bosco ripario
querceto sempreverde
querceto caducifoglio
macchia bassa
gariga
prateria steppica
arbusteti e roveti
vegetazione delle rupi
pareti umide
praticelli effimeri
comunitÓ delle sponde
comunitÓ acquatiche

Vegetazione arbustivo-lianosa
foto di Saverio Cacopardi

Arbusteti e roveti di fondovalle

Nel fondovalle si osservano formazioni arbustive e lianose, con dominanza di rosacee, che costituiscono i mantelli preforestali ed i principali aspetti di sostituzione dei boschi mesofili: frequente il Rubo-Crataegetum brevispinae O.Bol˛s 1962, associazione caratterizzata fisionomicamente dal biancospino comune (Crataegus monogyna Jacq.), dal prugnolo (Prunus spinosa L.) e dal pero mandorlino (Pyrus amygdaliformis Vill.), oltre che da un denso viluppo di specie lianose.

La regressione del plataneto favorisce l'insediamento, anche lungo estese superfici, di un'impenetrabile vegetazione arbustivo-lianosa, dominata fisionomica-mente dal rovo comune (Rubus ulmifolius Schott), cui si associano il fico selvatico (Ficus carica L.), la clematide vitalba (Clematis vitalba L.), il vilucchio maggiore (Calystegia sylvatica (Kit.) Griseb.), lo stracciabrache (Smilax aspera L.), l'edera (Hedera helix L.) e, in particolare, l'aristolochia altissima (Aristolochia altissima Desf.), un elemento caratteristico che permette di riferire questi roveti al Rubo-Aristolochietum altissimae Brullo et al. 1993, associazione limitata a pochi ambienti iblei.